La percezione del mondo e i canali rappresentazionali

La-percezione-del-mondo-e-i-tre-canali-rappresentazionali-pnlecoaching

Come percepiamo il mondo?

I nostri sensi sono il nostro unico strumento per la raccolta di informazioni dal mondo; crescendo cominciamo ad ignorare sempre più le informazioni sensoriali sostituendole con le “esperienze” o con quello che già “sappiamo”.  La nostra mente costruisce gradualmente un “suo mondo” che non è la realtà, ma è la sua interpretazione e rappresentazione, basata sulle nostre esperienze, sui nostri valori, sulle nostre convinzioni che sono le relazioni di causa ed effetto di specifiche azioni imparate durante la nostra vita. La nostra personale rappresentazione o mappa del mondo si forma, quindi,  in base alle informazioni che percepiamo dalla realtà che ci circonda e dalla loro elaborazione. Queste informazioni vengono colte dai 5 sensi:

Spiegazione-modello-VAKOG

Quanti sensi?

In generale si parla di 5 sensi, poiché da bambini ci insegnano che i sensi sono, appunto,  vista, udito, tatto, olfatto e gusto. Nel linguaggio comune si aggiunge il “sesto senso” per parlare di intuizione, cioè il modo in cui si percepiscono le più sottili informazioni sensoriali, la conoscenza diretta e immediata d’una verità, tradizionalmente contrapposta alla conoscenza logica e discorsiva.

VAKOG

Nella PNL, si usa il molto il  sistema rappresentazionale dei 5 sensi, chiamato “VAKOG ”, anche se poi nella pratica si usa quasi solo il VAK.  Ognuno di noi dà più o meno attenzione a ciascuno dei 5 sensi, in base alla preferenza che si dà ad un senso piuttosto che ad un altro lo si usa più o meno frequentemente. La maggior parte delle persone (soprattutto nel mondo occidentale) utilizza prevalentemente il sistema visivo e quello cinestesico.

Tutti usiamo tutto

Da questo si evince che ognuno di noi usa tutti i canali, prediligendone alcuni. Da  cosa capiamo quale canale rappresentazionale stiamo usando? Dalle nostre parole e dai nostri gesti. Quando attiviamo il canale visivo, per esempio, il tono della voce è alto, come la respirazione, il ritmo della conversazione veloce, la gestualità ampia, la postura dritta. Usiamo parole quali visione, quadro, verbi come vedere, intravedere.

Se, invece, quello attivato è il canale uditivo, il tono della voce è medio, il ritmo della conversazione armonioso, la respirazione centrale, la gestualità è al livello delle orecchie, le spalle sono basse in posizione di ascolto, si usano verbi quali sentire, suonare, ascoltare.

Il tono di voce basso, quasi interiore, è tipico di chi ha attivato il canale cinestesico. Il ritmo della conversazione è lento con molte pause, la postura è chiusa con gesti che tendono all’interno. I verbi usati sono toccare, provare.

Conoscere qual è il proprio sistema rappresentativo e quindi qual è il canale predominante è molto importante per la conoscenza di se stessi, inoltre questa conoscenza permetterà di sviluppare la praticità nell’individuare i sistemi rappresentazionali degli  interlocutori  e di come viene percepita la realtà esterna.

Poterebbe interessarti anche: Corsi PNL

Partecipa al corso PRACTITIONER IN PNL

Scopri come allinearsi con il proprio canale sensoriale e identificare il canale preferenziali degli altri per aumentare la propria efficacia persuasiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Ultimi Articoli

Menu