Perchè è utile per un coach conoscere le basi su come funziona il cervello?

Perchè è utile per un coach conoscere le basi su come funziona il cervello?

Interagire con le altre persone, è inevitabile, significa condizionarle in qualche modo. Possiamo introdurre cambiamenti nella percezione di un’altra persona, nella sua opinione su qualcosa, persino nel suo stato d’animo, e questo avviene qualunque mestiere facciamo: un insegnante ci può far odiare o amare per tutta la vita la matematica, o comunque condizionare in modo forte il nostro rapporto con questa materia; un cuoco può farci apprezzare di più un piatto per come lo prepara o come ce lo presenta. Di seguito ti presentiamo tre motivi per cui è utile per un coach conoscere le basi di come funziona il cervello.

Come influenzare il cambiamento negli altri

Che tu faccia l’insegnante o il cuoco, c’è qualcosa che puoi fare per gestire questa influenza che, è un fatto normale e fisiologico, c’è sempre. Se fai il coach, cioè supporti le persone nel raggiungere obiettivi e nell’essere più efficaci, il fatto che le persone possono cambiare e che questo cambiamento può essere facilitato da altri (ad esempio te) è qualcosa che ben conosci.

Conoscere come il cervello gestisce il cambiamento

Conoscere come il cervello gestisce il cambiamento  ci rende ancora più efficaci, almeno su due piani:

1) sapere specificamente cosa fare:  quando ho necessità di far vivere l’obiettivo ad un cliente, so quanto è importante (ad esempio) utilizzare una visualizzazione, perché quanto avviene in lui a livello neurologico durante questa esperienza è qualcosa di ben diverso dal semplice parlare della medesima cosa

2) rendere noti al cliente i motivi del perché una visualizzazione è così efficace: magari parlandogli (per sommi capi) di una ricerca di neuroscienze, in modo da condividere con lui quanto la ricerca sta confermando il nostro lavoro

Supportare le persone nei loro successi

Quando abbiamo successo in qualcosa, il nostro cervello rilascia sostanze che ci fanno sentire bene, questo stato aiuta a creare altri successi … un coach può supportare le persone nei loro piccoli e grandi successi: se un coach conosce le neuroscienze e il rilascio di dopamina che si ha quando realizziamo qualcosa, forse sa che prima di quelli grandi, si può partire dai piccoli successi, perchè la Dopamina ci invade anche per quelli, per poi pian piano passare ai grandi, anche grazie all’aiuto dato dal rilascio di questa sostanza.

Le neuroscienze ci fanno crescere come coach e ci danno la consapevolezza di come specificamente funzionano certi meccanismi di noi esseri umani. Le neuroscienza aiutano chi già conosce, per formazione e per esperienza, il “come” a sapere anche il perché certe cose succedono e come si possono gestire sempre meglio.

Vuoi conoscere come fare?

Vuoi scoprire di più? Scopri il libro

Ultimi Articoli

Menu
CHIEDI IN CHAT

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per fornire tutte le sue funzionalità. Per sapere come negare il consenso a tutti o alcuni cookies, visita la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti al loro utilizzo.