Supersense crea il kit della memoria sensoriale: un’ampolla di ricordi

Supersense crea il kit della memoria sensoriale: un’ampolla di ricordi

Supersense, azienda austriaca, con l’aiuto di Sissel Tolaas, ricercatrice e artista norvegese – che ha creato un kit della memoria sensoriale, avvalendosi di un database di migliaia di odori presi in tutto il mondo – , ha inventato un kit della memoria sensoriale da utilizzare nei momenti che si vogliono ricordare. Un grande numero di ricerche hanno negli anni dimostrato il ruolo dell’olfatto nel farci rivivere molto intensamente ricordi ed emozioni anche legati a eventi molto lontani nel tempo.

 I VAKOG nel Kit della memoria sensoriale di Supersense

Cosa è stato fatto da Supersense, un’azienda austriaca, con l’aiuto di questa studiosa? Utilizzando 1500 odori selezionati dalla ricercatrice come odori “nuovi”, cioè assolutamente non legati a qualsiasi cosa possa esserci di conosciuto (odori definiti “astratti” dalla Tolaas) è stato creato un kit. Vuoi ricordare in modo vivido, per sempre, la festa di laurea di un figlio? O un qualsiasi altro momento bello ed emozionante? Ti basta rompere un’ampollina di vetro nell’istante che preferisci e fare un bel respiro. L’odore, sentito per la prima volta, si legherà in modo univoco a quella esperienza e grazie a questa essenza (custodita in una specie di guscio metallico a chiusura ermetica, parte del kit) potrai tornare ai ricordi e alle emozioni di quel momento.

 In un’epoca ormai dominata dalle immagini e dai mille suoni che escono da dispositivi e apparecchi di ogni genere, succedono cose che ci fanno riflettere sull’importanza degli altri sensi.

Se si parla di memoria, si pensa subito a quanto gli smartphone che tutti abbiamo in tasca ci danno l’opportunità di fissare i ricordi, grazie alle mille possibilità di fare fotografie che ci mettono a disposizione. Attraverso la fotografia, infatti, “registriamo” quello che il nostro senso della vista ci ha fatto vivere in quel momento.

Se si parla di rivivere emozioni e di farlo in modo forte, vivido, non è alla vista che dobbiamo rivolgerci, ma al senso dell’olfatto.

Tutti noi abbiamo ricordi anche antichissimi, emozioni che ritornano in modo fortissimo perché legate a profumi particolari: la casa di campagna della zia, l’odore dell’erba tagliata nel giardino della casa dei nonni o dei libri antichi nella biblioteca di paese… questa è la potenza dell’olfatto, questo è quello che è stato ingegnosamente utilizzato in un’idea di kit a dir poco originale… questo è anche ciò che in PNL conosciamo e molto bene!

Viviamo il mondo attraverso i nostri sensi e tutti i sensi ci aiutano ad immagazzinare i ricordi. In un corso Practitioner PNL si studiano i sistemi rappresentazionali (detti anche VAKOG, dalle iniziali dei sistemi legati ai cinque sensi), che sono il modo con cui immagazziniamo la nostra esperienza di vita.

In PNL si studia anche come costruire ed utilizzare le ancore, veri e propri “interruttori” sensoriali, che riportano a stati d’animo potenzianti e risorse che ci occorrono per essere più efficaci.

La scienza dimostra ancora una volta la fondatezza dei principi sottostanti alle tecniche che la PNL ha codificato più di 40 anni fa, quelle tecniche che si insegnano nei corsi e che fanno di questa disciplina una cassetta degli attrezzi a disposizione della nostra efficacia.

Richiedi informazioni sul prossimo corso per diventare consapevole dei VAKOG.

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Ultimi Articoli

Menu
CHIEDI IN CHAT

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per fornire tutte le sue funzionalità. Per sapere come negare il consenso a tutti o alcuni cookies, visita la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti al loro utilizzo.